Non si comprano più case. Ma Doria alza l’Imu

(...) del Comune di Genova Franco Miceli. La sua proposta formalizzata ieri sera al vertice dei gruppi di maggioranza, sarà presentata dal sindaco Marco Doria oggi nel corso della riunione di giunta comunale alla quale prenderanno parte anche i presidenti dei novi municipi genovesi, come chiesto dall’assessore con delega al decentramento Gianni Crivello. Una mazzata arriverà sulle seconde case visto che il ritocco sarà di tre punti in più rispetto allo standard del 7,6 per mille. Ma non è finita qui perché la tassa potrebbe subire «un nuovo aggiustamento sull’aliquota prima del saldo a dicembre» sosteneva ieri l’assessore al bilancio Franco Miceli.
Una nuova tegola, dunque, sul mercato immobiliare cittadino che sta perdendo colpi e sembra riuscire a tenere solo in zone come Castelletto, Foce, Carignano e Albaro con diminuzioni minime dei valori delle case in vendita rispetto al primo semestre del 2011 dove i proprietari preferiscono lasciare l’appartamento invenduto piuttosto che abbassarne il valore. Per abitazioni «civili» il valore a metro quadro è tra i 2.500 e i 3.600 euro a Castelletto, tra i 2.900 e i 4.300 in zona Foce, tra i 3.700 e i 5.300 ad Albaro e tra i 3.000 e i 4.400 a Carignano.
Nelle altre parti della città, secondo un’indagine condotta da Tecnocasa, si va in caduta libera. A Sampierdarena le quotazioni sono scese mediamente del 10 per cento con valori al metro quadro tra i 1.000 e i 1.500 euro in base alla strada. A Nervi si chiude con un -4,4 per cento, a Quarto mare la valutazione dell’immobile a metro quadro si aggira sui 4.000 euro, a Quinto si arriva a 4.500. Tornando in periferia, dove la necessità di vendere appare più impellente e, soprattutto, i compratori fanno ricorso a mutui e prestiti che le banche concedono con sempre minor frequenza, si nota il calo di Pegli e Sestri (-2,1) con le tipologie signorili che non superano i 3.500 euro al metro quadro. Scende anche il quartiere di Certosa nonostante abbia il vantaggio di essere servito dalla metropolitana: nella zona collinare si vende a 1.800 euro, in via Jori si scende a 1.000 euro.