Potere in rosa, le donne conquistano il calcio

Ormai sono loro, le donne, le vere protagoniste della nostra epoca, ed in particolare di questa epoca sportiva. Lo ha scoperto anche Roberto Minoliti, allenatore, ma soprattutto appassionato del calcio femminile, che ha voluto raccontare una bella avventura tutta «in rosa» legata ai sei anni nei quali è stato allenatore, oltreché lanciatore e padrino, della squadra femminile «BogliascoPieve» che tanti successi ha ottenuto.
Un libro un po’ diverso, dove l’assunto riguarda il desiderio di lanciare il «calcio in rosa», legato a gesti e storie di belle ragazze che amano intensamente questa disciplina sportiva. È un viaggio simpatico, divertente e brillante, che coniuga al tempo stesso dati tecnici e grande passione. Minoliti vorrebbe solo una soddisfazione: che il calcio femminile in Italia, venisse valorizzato come merita. Il suo sogno è di avere una squadra come le hanno i grandi club inglesi, dall’Arsenal, al Chelsea.
Il suo obiettivo è solo uno: credere che il calcio femminile diventi sport di massa, di primo piano. E in verità queste ragazze stanno facendo passi da gigante, non per niente di questi tempi si parla tanto di «potere in rosa», cioè di successi femminili che battono quelli maschili. Ed anche il calcio, magari soltanto con la presenza di queste formazioni quali il «BogliascoPieve», sembra riacquistare valori e presenze significative.
Un bel messaggio, dunque, lanciato da questo volume: i sei anni (2005-2011) raccontati hanno un loro fascino, un loro battito di cuore, con queste ragazze legate al loro allenatore, con un sogno nel cassetto, vincere. Guai a non leggere il libro di Minoliti, sarebbe davvero un autogol. Tutto femminile.