Proiettili all'assessore che osa criticare gli idoli della sinistra

di Diego Pistacchi

Un proiettile all'assessore. Ma un proiettile democratico, ovviamente. Perché indirizzato a chi ha osato non rispettare il pensiero unico sulla morte di don Gallo, così come la scomparsa di Franca Rame. Eraldo Ciangherotti, assessore del comune di Albenga, stretto collaboratore del sindaco leghista Rosy Guarnieri, era il destinatario di una busta con un «colpo» di pistola. Un avvertimento in perfetto stile mafioso da parte di chi concepisce la politica come un campo di battaglia in cui usare armi vere. Un avvertimento rimasto segreto per circa una settimana, comunicato in via riservata solo all'interessato. Perché la Digos ha intercettato la busta con il proiettile, (...)

Commenti

m.m.f

Sab, 15/06/2013 - 09:54

ognuno è libero di criticare chi vuole ,se poi si tratta di personaggi sinistri ha doppia libertà-