SAMPDORIA

Nemmeno il Giudice di Ultima Istanza ha regalato a Francesco Flachi uno sconto di pena: ieri infatti il Gui ha confermato i due anni di squalifica dopo la positività alla cocaina rilevata al termine di Sampdoria-Inter del 28 gennaio. Flachi era stato inizialmente fermato dall'attività sportiva per un anno e mezzo, poi la Caf aveva aumentato la pena di altri sei mesi. Adesso l'ex giocatore della Sampdoria deciderà, insieme al suo legale Paolo Rodella, se ricorrere anche al Tas, Tribunale Arbitrale dello Sport: «Aspettiamo le motivazioni - spiega l'avvocato del giocatore - poi abbiamo tre settimane di tempo ma potremmo anche ricorrere al quarto grado di giudizio».
La Sampdoria qualche mese fa aveva deciso di sfruttare la clausola che prevede la rescissione del contratto, in caso di una squalifica superiore ai sei mesi. Nonostante questo Flachi, idolo dei tifosi blucerchiati dopo nove anni trascorsi a Genova, ha sempre mantenuto un ottimo rapporto con la società e l'ambiente, tanto che qualche giorno fa si era anche recato a Bogliasco per salutare gli ex compagni e si era intrattenuto a parlare per qualche minuto con Antonio Cassano. La decisione di ieri potrebbe significare la fine della carriera di Flachi che a 32 anni sembra così destinato a terminare la sua avventura nel calcio.
Intanto la squadra ieri mattina, prima di partecipare alle esequie della mamma di Riccardo Garrone, Giulia Maina, ha continuato la preparazione in vista della sfida di domenica contro l'Atalanta (arbitrerà Ayroldi di Molfetta). Brutte notizie arrivano ancora una volta dall'infermeria, visto che anche Christian Zenoni non riuscirà a recuperare. Sta un po' meglio invece Maggio, ma se entrambi dovessero dare forfeit nel ruolo di centrocampista esterno dovrebbe giocare Sammarco, con Pieri che torna titolare al posto di Ziegler, bocciato a San Siro. Stanno bene, e questo rincuora certamente Walter Mazzarri, Volpi e Montella. Il capitano tornerà regolarmente al suo posto al fianco di Palombo, mentre davanti l'aeroplanino formerà ancora il tridente con Bellucci e Delvecchio. Poi c'è l'alternativa Cassano, che comunque non sembra ancora in grado di poter scendere in campo dal primo minuto.
Infine la Federclubs ricorda che la sottoscrizione per i danni subiti in via Monticelli si effettuerà domenica, prima della partita, ai cancelli dello stadio. Sarà poi la Federclubs a contattare direttamente chi è stato danneggiato.