Sant’Olcese: l’odissea di una coppia con la casa alluvionata

Sono rimasti soli, senza alcun aiuto, con la loro casa devastata dalle conseguenze dell’alluvione del novembre scorso. Due anziani coniugi di Sant’Olcese vivono da mesi peregrinando in attesa che si faccia chiarezza sulle responsabilità il crollo della loro palazzina. «La casa di queste persone è crollata in parte a causa della piena del torrente - spiega il consigliere di opposizione nel comune di Sant’Olcese Patrizia Altobelli - Il problema è che l’alveo era ingombro di tronchi di alberi e non era stato pulito, come invece ha cercato di far credere il sindaco. E sono stati proprio gli alberi a far deviare la piena durante l’alluvione fino a colpire la casa». Da novembre ad oggi la coppia di anziani si è rimboccata le maniche facendo tutto da sola. Ma Patrizia Altobelli chiede giustizia: «Nemmeno dalla Regione c’è stato aiuto, eppure qui parliamo di persone che hanno perduto la propria abitazione e che dovrebbero essere aiutate».