Come scegliere la meta «giusta» fra ristoranti e oneste trattorie«Guidatavola Liguria 2013»

Un'accurata selezione dei migliori ristoranti «di mare e di terra» della Liguria, che è sempre più punto di riferimento enogastronomico dei buongustai: c'è questo e molto altro nella 28ª edizione della Guidatavola Liguria 2013, a cura di Ferruccio Repetti e edita da De Ferrari (200 pagine, 7.90 euro), in questi giorni in libreria e in edicola. La pubblicazione, arricchita con un'appendice di produttori liguri, piemontesi e valdostani di olio, vino, birra, e altre «chicche» alimentari d'eccellenza, offre una panoramica particolarmente significativa delle tavole di qualità. Per ogni ristorante e «onesta trattoria» sono riportati i riferimenti essenziali (recapito, giorni di chiusura, prezzo medio di un pranzo), ma anche una sintesi delle caratteristiche del locale e le «specialità della casa», oltre a un accenno alla dotazione di cantina. In questo modo Guidatavola Liguria si caratterizza come uno strumento di consultazione preventiva, per scegliere dove gustare – senza sorprese di qualità e prezzo! – un pranzo di lavoro come una cena fra amici, un piatto tipico come una serata più impegnativa per palati esigenti. Sempre, comunque, senza compromessi con i sapori genuini e l'atmosfera giusta dell'ospitalità.«Con l'ambizione – sottolinea Repetti nella prefazione – di proseguire una tradizione ormai consolidata, ma anche con la consapevolezza di doversi limitare a consigliare senza mettersi in cattedra: ogni giudizio o segnalazione, dal ristorante stellato alla trattoria di campagna, dev'essere inteso dal lettore come un invito a provare, e poi, se mai, a condividere il piacere della scoperta o il gusto della conferma, ma soprattutto il sapore della libertà d'opinione. Su una materia in cui, ce l'hanno insegnato i latini!, non si deve disputare, quanto confrontarsi».