Se i giovani rispondono alla crisi con una risata

Meno male che c'è ancora qualcuno che crede in qualcosa e che ha ancora fiducia che fare arte sia la maniera migliore per risolvere problemi politici e sociali. Sono un gruppo di giovani, sei under 30 che rispondono alla crisi con una risata, un progetto culturale e uno show rigorosamente autoprodotto. A capitanarli Nicola Camurri, 28enne con grinta e determinazione, una laurea magistrale in filosofia alle spalle e tanta esperienza come attore e regista che lo divide tra Roma e Genova. Da lui l'idea di usare l'arte di arrangiarsi anche nel teatro con un «fai da te» di qualità.
Ecco così nascere «Sophia Dalla Notte», un'associazione culturale che, raccogliendo teste, bocche e braccia emergenti del mondo artistico, ha deciso di dimostrare che tutti, con il lavoro e le idee, possono farsi strada tra le difficoltà. Il progetto è ambizioso perché vuole essere una sorta di pulizia dal cattivo funzionamento del sistema pubblico. «Se il pubblico non funziona - dice Camurri - bisogna osare muovendosi da soli in un ambiente piccolo e autofinanziato, utilizzando le migliori risorse umane nel campo. Rivedere il sistema di formazione e far luce sull'utilizzo delle risorse economiche».
Il primo atto dell'associazione è un varietà vecchio stile, scritto, diretto, recitato, cantato, suonato, ballato esclusivamente dal gruppo: l'appuntamento è per domani sera alle 21 al Teatro Instabile di via Cecchi esordirà «Ti presento Sophia».