Se il popolo di Twitter riscrive le fiabe dei fratelli Grimm

Immaginate di riscrivere le fiabe più celebri di sempre, quelle che hanno accompagnato la vostra infanzia, quelle che avete sentito centinaia di volte prima di addormentarvi, quelle che avete ripetuto poi ai vostri figli. E immaginate di sentirle dal vivo, con le integrazioni, le aggiunte, le variazioni introdotte da voi, popolo di Twitter e da tutti i follower del social network. Ecco quello che accadrà domani sera alle 21 al Teatro dell'Archivolto, su iniziativa del Goethe Institut, dove Matteo Caccia, storyteller di Radio24, porterà in scena l'operazione «GrimmRemix Live». Ovvero le fiabe dei fratelli Grimm remixate da Caccia e Tiziano Bonini insieme ai follower del profilo @fratelligrimm. Ovviamente le cinque favole più celebri, e quindi: Cappuccetto rosso, Pollicino, Cenerentola, I musicanti di Brema e Hansel e Gretel.
Il progetto del Goethe è per celebrare i duecento anni della pubblicazione delle Fiabe dei Fratelli Grimm, per scoprire il ruolo della fiaba nella nostra società, per riscoprire l'attualità di un libro che è patrimonio culturale mondiale e per rivisitare lugohi magigi in cui tutti noi siamo passati.
L'idea del «remix» ricalca anche le origini stesse delle favole. Le fiabe che raccolsero i fratelli Grimm all'epoca ascoltando cantastorie locali nelle case e nelle osterie intorno a Kassel non sono fedeli trascrizioni di quanto essi udirono, ma veri e propri «remix» realizzati dai due studiosi dopo un lungo lavoro di rielaborazione testuale.
Ed ecco che duecento anni dopo arriva l'ultima versione, riadattata e riscritta grazie all'apporto dei seguaci di Twitter. Nella serata di domani, Matteo Caccia leggerà il risultato finale di questa operazione, accompagnato dalla musica e dalla proiezione dei Tweet che hanno costruito le fiabe e dal racconto di come esse sono rinate grazie al pubblico di Twitter.

Annunci Google