Squalifiche pesanti e problemi di organico

Finiti i fasti e le vittorie roboanti, la Sampdoria e il Genoa si ritrovano mestamente con problemi di organico. Invidiabili le posizioni attuali, ma, mai dormire sonni tranquilli quando si parla di classifica. Sta peggio la Samp, che con gli infortuni di Bellucci e Montella con la squalifica di cinque giornate a Cassano si ritrova praticamente senza nessun attaccante sia di ruolo, che riserva. A gennaio la vendita dell’Airone sembrava cosa buona e giusta, oggi, qualche dubbio a tal proposito viene spontaneo anche perché non si è provveduto alla sua sostituzione.
In attacco il Genoa invece ha problemi di abbondanza: tenere in panca Figueroa, non è certamente cosa da tutte le squadre di seconda fascia. I problemi della difesa, con il rientro di Konko potrebbero svanire, a meno che, mister Gasperini non voglia utilizzarlo sulla linea di centrocampo. In mezzo siamo un po’ contati e con il modulo prediletto dal Mister, di esterni di ruolo se ne vedono proprio pochi (anche tra i titolari). Le previsioni sul futuro: il Genoa nelle prossime quattro partite raccoglierà come minimo sei punti (magari passando alla quattro-quattro-uno-uno).
La Sampdoria, invece, riuscirà ad ottenere la miseria di quattro punti (per vincere bisogna segnare e al momento attuale per la Samp, «chi segna» è un vero enigma). Sicuramente vedremo in tutti i modi, un ottimo spettacolo. E dopo le purghe degli anni passati, almeno questa è una buona notizia.