STEFANO BALLEARI E LILLI LAURO (PDL) ALL'ATTACCO Via Ceccardi pericolosa, interviene Tursi. La sfida del bike sharing

«In via Assarotti e in via Ceccardi, due tra le strade più trafficate di Genova, esistono pericoli per i cittadini, molti anziani, e problematiche che la giunta Vincenzi non ha risolto. Ho ricevuto alcune proteste da parte dei residenti della zona e dei commercianti. Quindi ho presentato le loro istanze alla nuova assessore Annamaria Dagnino». Strisce pedonali quasi invisibili e nascoste dai bus al capolinea tra via Ceccardi e piazza Dante. Sosta selvaggia e traffico poco regolamentato in quella traversa di via Venti Settembre. Semafori rossi con attraversamenti pedonali spesso non rispettati in via Assarotti, una strada che ormai viene considerata dagli automobilisti quasi una pista da Formula Uno. Il Comune che, secondo il consigliere Pdl Stefano Balleari e i residenti che protestano, non installa la segnalazione adeguata, né catarifrangenti sulle strisce pedonali, con un'illuminazione insufficiente.
«Gli abitanti della zona - aggiunge Balleari - sono a volte intimoriti dalle auto che sfrecciano oltre i 40 Km/h o che non rispettano l'ordine di arresto dei semafori. Chiedono a Tursi di intervenire con dissuasori di velocità e segnalazioni visivi delle zebre. L'assessore Dagnino mi ha assicurato che porterà al più presto all'attenzione della polizia municipale dell'ufficio al traffico di Tursi, i problemi esposti in Sala rossa. Nelle prossime settimane il Comune dovrebbe finalmente installare led luminosi e segnalatori per gli attraversamenti pedonali. Per quanto riguarda via Ceccardi la soluzione per trovare una nuova destinazione al capolinea del bus, è invece rimandata a quando verrà risistemato il parcheggio di piazza Dante».
Ieri in consiglio comunale l'assessore Dagnino ha inoltre comunicato che Tursi aumenterà i «bike park» in città ed acquisterà 60 nuove biciclette per il servizio di bike sharing. Tutto con fondi europei. Tuttavia, il Pdl ha replicato che sembra servire a poco l'aumento delle biciclette se poi non si realizzano piste ciclabili. «Inoltre - ha affermato la capogruppo Lilli Lauro - non si capisce perché a Genova ci sono soltanto 6 parcheggi per le bici, mentre a Milano ce ne sono centinaia». L'assessore Dagnino ha quindi annunciato l'intenzione di realizzare alcune piste ciclabili e ha denunciato gli atti di vandalismo che spesso capitano nei bike parking, soprattutto quello davanti la stazione di Brignole.