La torre piloti «trasloca» a Ponte Colombo Decisa dal Comitato portuale la sede temporanea dopo il crollo

Sarà Ponte Colombo, nel terminal traghetti alla Stazione Marittima, la sede temporanea per l'attività del Corpo Piloti del Porto di Genova, dopo l'incidente di Molo Giano. A formalizzare la concessione, per due anni, degli spazi il Comitato Portuale che si è riunito ieri a Palazzo San Giorgio, a Genova. «Abbiamo dato l'atto concessorio di 500 metri a Ponte Colombo e di 200 metri nell'area di Riparazioni navali per gli uffici - ha detto il presidente di Autorità portuale Luigi Merlo -. Abbiamo predisposto il progetto per l'adeguamento dell'edificio, che speriamo sia approvato dalla Conferenza Stato-Regioni entro il 1 luglio. A Ponte Colombo sarà ospitata la parte operativa con la foresteria, la cucina e la parte dei servizi operativi per i turni». Una soluzione transitoria, quindi, in vista di un progetto che Autorità portuale sta portando avanti molto celermente. «Noi siamo già al lavoro per la prospettiva della nuova torre - ha detto Merlo -, stiamo già lavorando con loro e con la Capitaneria di porto per individuare l'area definitiva e poi per avviare la progettazione».
Inoltre dal Comitato Portuale è arrivato un nuovo passo avanti per il ribaltamento a mare di Fincantieri a Sestri Ponente. All'Autorità Portuale è infatti arrivata l'informativa dell'avvio della procedura di richiesta di «Via» da porto Petroli per la nuova boa off shore, un investimento di 50 milioni di euro che rientrava nell'accordo di programma per l'opera.