Unioni civili, guerra Bagnasco-Doria

A commentare per primo la decisione del Comune di istituire il registro delle unioni civili è stato l'Arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco che già giovedì sera l'aveva definita «una decisione sbagliata perché tende ad indebolire la famiglia e rende più fragile la società intera, senza produrre assolutamente nulla». Ma ieri, dietro alla scelta dell'amministrazione guidata da Marco Doria di istituire il registro, si è scatenata una vera e propria battaglia verbale a distanza tra cattolici e laici. Con il quotidiano dei Vescovi, Avvenire, che ieri ha deciso di attaccare duramente la (...)