Un genovese racconta l’El Dorado

L’El Dorado. Nome che evoca mitiche ricchezze, una terra che per secoli ha infiammato l’anima di conquistatori e viaggiatori. Anche quella di Yuri Leveratto, genovese che da tempo vive in Colombia, che oggi, viaggiatore d’eccezione, ha raccontato la devastazione dell’America Latina proprio in nome della ricerca dell’El Dorado. Leveratto sarà domani alle 18 nella sala polivante «Franco Lavoratori» di Recco per presentare, nella prima delle due tappe liguri, il suo libro «La ricerca dell’El Dorado», edito da Infinito Edizioni.
Si tratta di un libro che va alle radici umane, sociali, materiali e «mitologiche» dei soprusi compiuti dal 1492 all’era moderna dai conquistadores ai danni delle popolazioni autoctone e degli indigeni e neri africani nelle Americhe. Un’incessante ricerca dell’El Dorado - sottolinea Leveratto - senza la quale la colonizzazione del Nuovo Mondo avrebbe avuto tutta un’altra connotazione. Leveratto parlerà anche dellopera dell’ente benefico «Fundeamor» (www.fundeamor.org) di Bucaramanga, in Colombia. Il console di Colombia in Liguria, Giovanni Massimo Martello, conosce e stima l’autore che, dice, ha saputo riportare fedelmente e con grande sensibilità i problemi e le sofferenze di tanti uomini e donne che subirono la violenza «civilizzatrice» degli europei.
Del libro sull’El Dorado di parlerà anche giovedì 9 ottobre presso la libreria Feltrinelli di via XX Settembre alle 18.30.