Geografia Le grandi metropoli? Si visitano con i disegni di Ventura

Anche la geografia può essere raccontata con i fumetti. Prendete le città. Se la matita è quella di Piero Ventura, architetto, ex art director, allora gli odori del cibo cinese nel porto di Hong Kong, la folla dell'ora di punta nella metropolitana di New York, le sirene dei vigili del fuoco di Stoccolma e le emozioni di una prima alla Scala, diventano un affascinante viaggio le metropoli del pianeta. Ventura ha una capacità unica di farci sentire nel mezzo delle scene ritratte e, allo stesso tempo, sopra di esse, per coglierle a volo d'uccello. Questo libro (Il libro delle città, ed. Rizzoli, euro 20), realizzato nel 1975, mai pubblicato in Italia e ora riproposto nella versione originale, permette di riscoprire l'opera di un grande illustratore che ha sviluppato uno stile personalissimo, tanto da essere premiato e conosciuto in tutto il mondo come «l'uomo degli omini», che dall'alto ha cercato di capire e di raccontare con ironia molte cose che non si vedono da terra. Le città «raccontate» dalla matita di Ventura sono New York, Mosca, Hong Kong, Stoccolma, Roma, Amburgo, Tokyo, Milwaukee, Milano, Kyoto, Venezia, Washington, Amsterdam, Parigi, Londra e Los Angeles.
Piero Ventura è nato e ha vissuto a Milano, dove ha studiato all’Accademia di Brera e alla Facoltà di Architettura. Dopo il servizio militare si è occupato di pubblicità ed è stato art director di un’importante agenzia milanese. Accanto alla sua professione si è dedicato all’attività di illustratore pubblicando decine di libri in tutto il mondo. «Sono passati più di trent’anni da quando ho disegnato Il libro delle città - scrive Ventura nella prefazione -. Sia le città, sia i bambini sono cambiati molto da allora. Ma sono sicuro che ci sono ancora molti bambini e bambine in tutto il mondo che desiderano volare - per vedere e comprendere un mondo che è sempre più complicato, ma ancora molto affascinante».