GEORGE CLOONEY

Angelo Cipollina: «Una sera calda di inizio agosto sentimmo un rumore di moto sul piazzale. Apparve George Clooney con un sorriso mariuolo, seguito da un gruppetto di amici. Mi chiese un consiglio su dove mangiare. Gli suggerii il Capo Nord. Era tardi e chiamai subito il ristorante. La signorina, come da copione, rispose: “È un po’ tardi, lo chef è andato via”. Io le domandai: “Sei sicura?” e sussurrai il nome dell’ospite. In quattro e quattr’otto lo chef si materializzò in cucina. Clooney, sorprendendomi, mi chiese se avessi piacere di accompagnarli e io accettai. Ho conosciuto una persona squisita».