Georgia: golpe russo sventato senza violenza Lavrov diserta la Nato

Il ministero dell'Interno di Tbilisi: "Il colpo di stato organizzato da funzionari della Difesa e da agenti dei servizi speciali russi". La replica del Cremlino: "Saakashvili si faccia curare"

Tbilisi - Sventato un golpe russo. Le autorità georgiane hanno annunciato di aver sventato un "colpo di stato" armato preparato in vista delle esercitazioni della Nato, al via domani. Il ministero degli Interni georgiano ha aggiunto che alcuni alti ufficiali del ministero della Difesa del Paese sono stati arrestati perché coinvolti nel piano e in contatto con i servizi speciali russi.

Golpe sventato "Il ministero degli Interni ha sventato un complotto che era stato preparato da alcuni esponenti del ministero della Difesa - ha spiegato il portavoce del ministero Shota Utiashvili -. Si tratta di alti ufficiali. Le indagini preliminari mostrano che il piano è stato coordinato dai russi e aveva l’obiettivo di creare gravi problemi nel corso delle esercitazioni della Nato che si terranno in Georgia dal 6 maggio".

Mosca nega Mosca nega ogni suo coinvolgimento nel tentato colpo di stato militare in Georgia, liquidando le accuse che arrivano da Tbilisi come "il delirio e l’agonia del regime di Saakashivili". Lo riporta l’agenzia russa Itar-Tass citando le repliche di una fonte governativa russa alle dichiarazioni del ministero degli Interni georgiano secondo il quale il tentato golpe era stato preparato da alcuni alti ufficiali della Difesa insieme alle forze speciali russe. "Siamo di fronte al delirio e all’agonia del regime di Saakashvili, non c’è altro modo di chiamarlo" ha detto la fonte russa. E il ministro degli esteri russo, Sergei Lavrov, ha fatto sapere di aver deciso che - per protesta contro l’espulsione di due diplomatici accreditati presso la Nato - non parteciperà agli incontri del consiglio Nato-Russia in programma a Bruxelles tra due settimane.

Battaglione ammutinato Intanto il ministero della Difesa georgiano ha annunciato che è in corso un ammutinamento nel battaglione corazzato con base a Mukhrovani. Il ministro della Difesa David Sikharulidze lo ha rivelato parlato alla rete televisiva Rustavi-2, scrive Interfax. "Il battaglione ha annunciato stamattina di voler disobbedire agli ordini". Secondo le prime informazioni insieme ai militari ammutinati ci sarebbero anche dei civili. "L’ammutinamento sta continuando. I ribelli sono stati avvertiti di interromperlo" ha aggiunto Sikharulidze spiegando che ci sono contatti con gli ammutinati ma "non c’è stata ancora nessuna richiesta concreta".