Georgia, missile terra-aria Tbilisi accusa Mosca, ma il Cremlino smentisce

Secondo fonti georgiane, ieri sera due caccia russi hanno sorvolato il Paese e hanno sganciato un missile su un piccolo villaggio, al confine con l'Ossezia. L'ordigno, precipitato in un campo, non è esploso. Mosca nega: è tensione

Tbilisi - Una denuncia che potrebbe far riesplodere tensioni mai sopite. Secondo lo stato della Georgia, un caccia russo avrebbe sganciato un missile terra-aria sul territorio georgiano, mancando di poco un villaggio. Ma il Cremlino smentisce categoricamente che propri caccia abbiano sganciato bombe sulla Georgia. Intanto, però l'ambasciatore russo, Viaceslav Kovalenko, è stato convocato dal ministero degli Esteri georgiano per avere spiegazioni circa la presunta violazione dello spazio aereo da parte di due caccia russi. Il missile, dicono funzionari georgiani, è precipitato in un campo coltivato nel villaggio di Tsitelubani, 65 chilometri a ovest della capitale Tbilisi.Ma non è esploso.

Convocato l'ambasciatore russo La Georgia ha convocato l’ambasciatore russo a TbIlisi per riferire su quello che il ministro degli Interni georgiano Vano Marabishvili ha definito "un atto di aggressione". "Abbiamo convocato l’ambasciatore russo in Georgia al ministero degli Affari Esteri per consegnargli una nota di protesta. Inviteremo anche gli ambasciatori degli altri paesi per discutere della situazione", ha detto il portavoce del minstero degli Esteri Nino Kajaia. La Russia ha una lunga storia di rapporti diplomatici tesi con l’ex repubblica sovietica, ma l’aviazione militare russa ha detto che il suo aereo ha volato all’esterno della zona. "I nostri radar mostrano che i caccia sono partiti dalla Russia e poi sono tornati nella direzione dalla quale erano arrivati...", ha detto Merabishvili. Nel paesino è possibile vedere un missile inesploso sprofondato in un cratere profondo circa cinque metri in un campo di granoturco e patate attorniato da alberi da frutta.

"Non abbiamo sorvolato la Georgia" L’ambasciatore russo in Georgia, Vijaceslav Kovalenko, nega qualsiasi implicazione russa nella violazione dello spazio aereo georgiano, denunciata dalla repubblica caucasica, che lo ha convocato stamattina per inoltrare una formale protesta alle autorità di Mosca. "Gli aerei russi non hanno niente a che vedere con la violazione dello spazio aereo georgiano. Escludo tale possibilità", ha dichiarato Kovalenko dopo l’incontro con il ministro degli Esteri georgiano Gela Bezuashvili.

Smentita categorica di Mosca Il Cremlino ha smentito "categoricamente" che un caccia russo abbia sganciato una bomba su un villaggio georgiano. Vengono così respinte al massimo livello le accuse di Tbilisi, che stamattina ha convocato l’ambasciatore russo per inoltrare una formale protesta per la presunta violazione del proprio spazio aereo da parte di due velivoli militari, ieri sera.