Geox delude gli analisti e perde il 14,5%

Tonfo in Borsa per Geox nel giorno della diffusione dei conti 2007 e delle stime di crescita per il triennio 2008-2010, inferiori alle aspettative degli analisti. Il titolo, che è stato anche sospeso per eccesso di ribasso, ha chiuso in calo del 14,5% a 10,645 euro. Nessuna preoccupazione però da parte del management del gruppo di Montebelluna per la reazione del mercato. «Siamo soddisfatti dei nostri risultati», ha detto il presidente Mario Moretti Polegato, aggiungendo che «la Borsa non ci interessa: il nostro problema è investire denaro e non chiederlo e la liquidità serve per dare ossigeno ai tanti nostri progetti che abbiamo nel mondo. Nei prossimi tre anni raddoppieremo il fatturato ed il numero dei negozi», che passeranno da 700 a oltre 1.400 nel mondo: il gruppo intende ora crescere nei mercati emergenti. Ai primi di aprile verrà invece presentata «l’operazione sport», con la nuova linea di calzature sportive. L’utile netto 2007 è cresciuto da 97,2 a 122,9 milioni ed i ricavi consolidati sono aumentati del 27% ad oltre 770 milioni. Per i prossimi tre anni è stimata una crescita del fatturato intorno al 20% annuo, con una redditività in termini di ebitda di circa il 25% nel 2008, superiore al 26% nel 2009 e intorno al 27% nel 2010. Con un pay out aumentato dal 40 al 50% il dividendo proposto sarà di 0,24 euro per azione.