La Germania ora ci fa compagnia: la Croazia vince e inguaia Löw

Se la cosa ci può consolare, adesso Donadoni è in buona compagnia. Se il tonfo azzurro con l’Olanda aveva fatto scalpore, quello della Germania è addirittura deflagrante. La Klagenfurt invasa da tifosi in maglia a scacchi bianchi e rossi regala la prima grande sorpresa dell’Europeo. Panzer battuti pesantemente e senza appello - più di quanto non dica lo striminzito 2-1 finale - dalla Croazia per nulla scomoda nei panni di ammazzagrandi. Si deve infatti a Bilic, ct con l’orecchino al lobo sinistro e una laurea in legge, il fatto che l’Inghilterra sia la grande assente della rassegna austro-svizzera. Tutti lo presero per pazzo quando, nel giorno del sorteggio dei gironi a Lucerna, esternò che una squadra capace di battere a Wembley i giocatori di Sua Maestà poteva benissimo continuare a compiere imprese fino al trionfo finale di Vienna. E alla vigilia del match di ieri aveva sorpreso con la sua tranquillità e sfrontatezza: «I tedeschi sono forti, ma arriveranno secondi nel girone».(...)