La Germania proroga di almeno 10 anni le sue centrali nucleari

La Cancelliera Merkel mantiene le promesse elettorali e rimanda la chiusura in attesa che le discusse energie rinnovabili possano fornire ai tedeschi quanto è necessario

Il Cancelliere tedesco Angela Merkel ha deciso di prolungare la vita operativa delle 17 centrali nucleari del Paese di almeno dieci anni rispetto alla data di chiusura prevista: è quanto riporta la rete televisiva pubblica tedesca Ard.
Il governo ha deciso l'entità della proroga (per un massimo di 15 anni) dopo aver valutato un rapporto degli esperti secondo i quali i benefici economici di un prolungamento della vita delle centrali - in attesa dell'entrata a regime delle energie alternative - sarebbero massimi in un intervallo compreso fra i 12 e i 20 anni.
La chiusura delle centrali entro il 2021 era stata decisa dieci anni fa; secondo un sondaggio della rete televisiva Zdf il 56% dei tedeschi sono contrari alla proroga del funzionamento delle centrali, mentre il 38% è di parere opposto; il margine di errore indicato è di tre punti percentuali.
Rimane aperta la discussione tra il governo e i gestori delle centrali atomiche tedesche sulla controversa tassa sull'energia atomica che dovrebbe portare nelle casse dello Stato 2,3 miliardi di euro all'anno nell'ambito del programma di austerità.