Germania: raid in tutto il Paese contro gli estremisti islamici

Oggi prima dell'alba raid della polizia contro oltre 200 moschee, appartamenti e uffici in tutto il Paese. Colpita la rete del predicatore radicale Abu Nagi, che sostene: «La democrazia è contro l’islam ed è l’esatto contrario dell’islam».

DA STOCCARDA – Oggi alle 6:30 in Germania ci sono stati raid contro oltre 200 moschee, appartamenti e uffici in tutto il Paese. Centinaia di agenti di polizia dispiegati per colpire le reti dell’islam radicale. Si tratta della più grande operazione degli ultimi tempi in Germania, ma è solo l’ultima di una lunga serie. Berlino sembra non essere più disposta a tollerare chi predica l’odio e fa proseliti sul suo territorio per conto degli estremisti. Secondo fonti ufficiali, a essere colpita in particolare è stata l’associazione islamica del predicatore radicale Abu Nagi: messa fuori legge la sua associazione con oltre 500 seguaci. Dopo la fase preparatoria più di un anno, il ministero degli interni oggi ha deciso di colpire.

«La democrazia è contro l’islam ed è l’esatto contrario dell’islam». E ancora: «Se neghiamo la sharia, allora siamo infedeli. Se accettiamo la democrazia, allora siamo infedeli». Queste sono solo alcune delle affermazioni controverse del predicatore radicale Ibrahim Abu Nagi. Fra gli altri luoghi, oggi è stata perquisita anche la sua abitazione, ma inutilmente: il predicatore, secondo fonti ufficiali, avrebbe lasciato la Germania prima del raid. L’uomo, di origini palestinesi ma in Germania dagli anni ottanta, è a capo di un’associazione salafita, ‘la Vera religione’ (‘die wahre Religion’, in tedesco), che si è resa responsabile del reclutamento di diverse persone per conto dell’Isis. Fra loro, anche l’ex rapper berlinese Denis Cuspert, noto con lo pseudonimo di Deso Dogg, che ha lasciato la Germania per combattere in Siria con i miliziani dello Stato Islamico.

L’associazione di Abu Nagi è nota in Germania soprattutto per la sua intensa attività di proselitismo. In tutte le principali città tedesche gli uomini della ‘Vera religione’ avevano banchetti ogni weekend con copie del Corano e opuscoli da distribuire. Qui a Stoccarda si trovavano ogni sabato in pieno centro nella principale via dello shopping, Königstrasse, per incontrare le persone e fare proseliti. Non più. L’associazione radicale, secondo le autorità di sicurezza di Berlino – citate dallo Spiegel – sostiene «la jihad armata ed è un punto di reclutamento e di raccolta livello nazionale per gli islamisti e per le persone che vogliono trasferirsi in Iraq e in Siria con intenti jihadisti». Dopo gli attacchi di quest’estate in Germania rivendicati dall’Isis, e con il timore che ritornino in patria una parte del migliaio di tedeschi che ora si trovano nei territori del sedicente Stato Islamico, oggi Berlino ha finito la pazienza. Quello di oggi è solo l’ultimo passo in un lavoro sistematico in corso da tempo per colpire e smantellare le reti del jihadismo e dei suoi simpatizzanti sul territorio.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Mar, 15/11/2016 - 10:59

Ma come si è permessa la Polizei di disturbare le risorse muslims ed ancor più le loro moschee??

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 15/11/2016 - 11:09

Eh Eh, "signora" Merkel... E' CAMBIATO IL VENTO, NEH? Ma spero che questo non basti al popolo Tedesco.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 15/11/2016 - 11:14

Noi, invece, di moschee ne progettiamo di nuove...

Romolo48

Mar, 15/11/2016 - 11:34

Ora la Bordini insorgerà e dichiarerà guerra alla Germania, rea di aver osato disturbare preziose risorse.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 15/11/2016 - 11:57

Se lo dice Abu Nagi che la democrazia è contro l'islam......A proposito,le avete anche rase al suolo,cosi',giusto per sapere?

sesterzio

Mar, 15/11/2016 - 12:10

Per fare un po di pulizia è sempre tardi.Ma sempre meglio di mai.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 15/11/2016 - 12:36

Non fatelo sapere alla nostra marina TAXI circa da guerra

27Adriano

Mar, 15/11/2016 - 12:59

A quando questa utile azione in Italia?

agosvac

Mar, 15/11/2016 - 12:59

Ma come??? Prima la signora merkel li invita a casa, nella krante cruccolandia e poi li persegue??? Probabilmente si è resa conto della stupidaggine fatta. Basterà per tenere la poltroncina di cancelliera??? Temo proprio di no! Il danno, enorme per l'economia tedesca, è stato fatto. Ci vorranno anni per ammortizzare le spese sostenute a favore dei profughi e contro i tedeschi nati in krante cruccolandia!!! Credo che bene farebbe la merkel a neanche presentarsi candidata alle prossime politiche tedesche, onde evitare tristissime sorprese.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mar, 15/11/2016 - 15:00

«La democrazia è contro l’islam ed è l’esatto contrario dell’islam». E lo perseguitano per questo? Ma allora sono veramente incoscienti. Sta dicendo una verità fondamentale, ed è proprio questo il motivo che nelle nostre società DEMOCRATICHE l'islam NON PUO' convivere. Ognuno a casa sua, grazie.

Tuthankamon

Mar, 15/11/2016 - 15:09

Penso che la Merkel si stia cominciando a preoccupare delle prossime elezioni. Quanto al predicatore insano che citate, ha affermato una grande verità che dovremmo tenere ben presente in tutto l'Occidente!

Tarantasio

Mar, 15/11/2016 - 15:46

al primo stadio ci stiamo arrivando con i controlli e le barriere ai confini e le proteste della popolazione ( a parte gli italiani tonti che sono l'anomalia mondiale per eccellenza data anche la vicinanza e la dipendenza fisiologica dal Vaticano). Ancora da preparare è il secondo passo: l' accompagnamento ai lidi di partenza di tutti i non invitati con le loro famigliole

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 15/11/2016 - 15:52

@Tuthankamon - hai perfettamente ragione, ma i conunistardi non la capiscono o fanno finta, per curare i loro interessi. Sai, con loro guadagnano bene.

Ritratto di franco-a-trier_DE

Anonimo (non verificato)

Ritratto di franco-a-trier_DE

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)