Gerusalemme/2 Esce dal carcere lo scienziato nucleare Vanunu

È stato scarcerato ieri dopo ulteriori tre mesi di reclusione l’ex tecnico nucleare israeliano Mordechai Vanunu, condannato a suo tempo per spionaggio e tornato di recente in carcere con l’accusa di aver violato il divieto d’incontrare cittadini stranieri. Lo riferiscono i media locali. Secondo fonti dell’autorità carceraria, Vanunu è stato rilasciato dopo aver ottenuto «un lieve sconto» di pena. L’ex tecnico, oggi 55enne, fu protagonista negli anni ’80 di un clamoroso caso di denuncia - sulla stampa britannica - dei programmi nucleari israeliani (da sempre top secret nel Paese) che gli valse una condanna a 18 anni di prigione. Trascorso il periodo di quella pena, era tornato libero, ma rimanendo sottoposto a diverse limitazioni inclusa l’interdizione a incontrare stranieri. Interdizione che di recente è stato poi accusato d’aver violato - essendosi visto con una donna norvegese con la quale si diceva fidanzato - con conseguente condanna ai tre mesi di carcere appena scontati.