Gf, Federica ammette: "Ho bisogno di analisi"

Parla Federica Rosatelli, la concorrente del <em>Grande Fratello</em> espulsa per aver lanciato un bicchiere a un suo collega della &quot;casa&quot;. &quot;Meritavo di essere mandata via. Andare dallo psicanalista? Ne avrei bisogno&quot;

Milano - Scusi la franchezza, ma lei ha mai pensato di affrontare una terapia psicanalitica?
«Io? Certo che ne avrei bisogno. E chi non ne avrebbe bisogno? Però me ne guardo bene, quei problemi meglio lasciarli lì tranquilli dove sono».
Per Federica Rosatelli, l’ex modella biondo platino nota per gli eccessi d’ira espulsa l’altra sera dal Grande Fratello, non vale la domanda «ci è o ci fa». No, lei proprio ci è... All’indomani dalla sua uscita dalla Casa di Cinecittà si racconta ai giornalisti come se fosse lì al tavolo del salotto da dove ha scagliato un bicchiere contro un suo collega di clausura, motivo per cui è stata squalificata.

Dunque, cominciano dall’episodio incriminato: l’altra sera lei sembrava tutto tranne che pentita dell’accaduto...
«Sono pentita del lancio del bicchiere, è un gesto diseducativo che andava punito come è stato fatto. Per il resto rifarei esattamente tutto quello che ho fatto nella Casa».

Come apostrofare i gay «froci» o litigare violentemente con metà dei concorrenti?
«Sono assolutamente contenta di me. Io sono così, bianca o nera, non ho mezze misure. Quelli dentro la casa a cui mi sono avvicinata, mi apprezzano e mi vogliono bene. Gli altri per me non esistono, non mi interessano».

E dunque vanno trattati male?
«Io sono così istintiva, vera, odio il perbenismo, o mi si ama o mi si odia».

Ma è arrivata alle minacce verbali nello studio della Marcuzzi contro la hostess Martani...
«Mi ha stuzzicata. Le ho solo detto “non siamo più nella casa, ci penserei bene a parlare così”».

Be’, suona come una minaccia. E Nicola, il concorrente con cui ha avuto una relazione: lo ama veramente o se ne è servita?
«Ma no, a me Nicola piace sul serio. Non vedo l’ora che esca dalla casa per coccolarlo anche se ovviamente spero che esca il più tardi possibile. Certo non posso dire ora se è l’uomo della mia vita».

Gli uomini li tiene sempre così sottomessi?
«Io lo dominerei? No, forse, anzi sì. È che lui è molto sensibile, intelligente, appassionato. Ma anche lui in certe cose mi domina».

Quali?
«Dunque... non mi vengono in mente... Ah, lui, può ferirmi facilmente, però è intelligente e sa come prendermi».

Chissà... ma ci racconti della sua famiglia, con chi ha vissuto da ragazzina?
«I miei genitori si sono separati quando avevo cinque anni. Io e mia sorella maggiore siamo andati a vivere con mio padre, che è un antiquario, perché lui è più quadrato, più serio. Mia madre invece è più sbarazzina, un po’ mattarella. Da piccole facevamo il contrario di quello che di solito succede nelle famiglie separate: i weekend folli con la mamma e la settimana dai ritmi regolari con papà».

Ora si capiscono varie cose... poi ha fatto la modella e la stilista.
«Per quello che si può fare a Roma: qualche sfilata e pubblicità. Dopo sono stata tre anni a Londra, con il mio fidanzato Antonello, una stupenda relazione, un po’ burrascosa, peccato che adesso non mi parli più, dicono che mi odi».

Ma va’... E, dopo l’esperienza nel «Grande Fratello», cosa vorrebbe fare?
«Be’, se mi chiamassero nei talk a fare l’opinionista, di quelle antimoraleggianti, che fa da contraltare, mi piacerebbe molto».

E da grande?
«Ammesso che mai crescerò, vorrei sfruttare le mie capacità creative e lavorare nel mondo della moda. Intanto però i talk...».