GF8 apre al transessuale Oggi il via a ponte Milvio

Un’anteprima on the road per tre aspiranti concorrenti ancora in bilico, imprigionati da oggiquesta mattina in un salotto-bolla a Ponte Milvio. Lunedì sera saranno svelati tutti i segreti che circondano la nuova &quot;casa&quot;<br />

Roma - Un’anteprima on the road per tre aspiranti concorrenti ancora in bilico, imprigionati da questa mattina in un salotto-bolla trasparente a Ponte Milvio. E poi un condominio in costruzione e un camping al posto della confortevole casa-bunker di un tempo e la presenza di un transessuale e di un’intera famiglia di siciliani (padre, madre e tre figli) per la prima volta tra i "reclusi" catodici. Sono queste in sintesi le novità del "Grande Fratello 8", che dal 21 gennaio si ripresenta ai telespettatori di Canale 5 anche con un’inedità collocazione di palinsesto per la puntata settimanale di prime time: il lunedì. E non un lunedì qualunque, visto che pochi minuti prima su Raiuno farà il suo debutto il nuovo show di Fiorello e Bladini, "Viva Radio 2... Minuti".

La Marcuzzi al timone del reality Al timone del primo reality della tv italiana, per il terzo anno consecutivo, Alessia Marcuzzi. Al posto di Marco Liorni che ha lasciato lo storico ruolo di inviato in passerella, alcuni ex "granfratellini" celebri, come il vincitore dello scorso anno Milo, ed una sorpresa che sarà annunciata a programma iniziato. Tra i concorrenti (alla fine della prima puntata ne entraranno nel "quartiere" dedicato di Cinecittà ben 19, compreso il vincitore tra i 3 ragazzi "sottovetro" da oggi), c’è anche un padre separato accompagnato dal figlio, almeno una coppia già formata, un pugile, un imprenditore, un meccanico e un muratore. Quest’ultimo si rivelerà indispensabile quando il gruppo scoprirà che il condominio è da ultimare e che in ognuno dei tre appartamenti disponibili manca qualcosa di essenziale, in uno il bagno, in un altro la cucina e così via. Un’insidia che li costringerà a condividere degli spazi e a costruirne altri. Insomma, si annunciano tempi duri per l’ottava tornata di reclusi di Cinecittà.

La presenza di un transessuale "Mediaset non ha fatto, nè fa e mai farà discriminazioni sessuali - spiegano gli organizzatori - le selezioni sono state condotte senza pregiudizio alcuno e il cast è stato costruito cercando la migliore miscela possibile tra le persone". Per sapere se il trans ci sarà o meno bisognerà aspettare lunedì sera. Ma fonti dell’Agi hanno confermato questa novità. E non si tratta del concorrente brasiliano del quale molti hanno parlato.

Vivere in un condominio-cantiere L’edizione si caratterizza per l’assenza della tradizionale "casa", il cui posto sarà preso da un "condominio": tre case tutte diverse, ma complementari. Infatti sono incomplete: bagno, cucina, soggiorno e "confessionale" sono dislocati nelle tre strutture ma non comunicanti tra di loro. Per usufruirne, i concorrenti dovranno quindi di volta in volta uscire dalla propria abitazione, "bussare" ai vicini e chiedere ospitalità. Ma prima di mettere piede in una delle case, dovranno lavorare in un "cantiere". E in attesa che i "lavori" terminino, vivranno in un campeggio fatto di una roulotte, una tenda canadese e un tendone "community". Per i concorrenti all’inizio ci saranno un solo bagno (con doccia, ma calda solo a gettoni), un lavatoio in comune per i panni e appena due piastre elettriche che costringeranno alla fila per cucinare.