Giù del 15% dopo stop Ue a Sony-Bmg

Warner Music è arrivata a perdere oltre il 15% dopo che un tribunale di primo grado europeo ha annullato il via libera alla fusione di Sony Music e Bmg dato dall’Unione Europea nel 2004. La decisione getta un’ombra sui progetti di integrazione tra Warner Music e la concorrente più grande Emi Group. Nelle ultime settimane i due gruppi stanno facendo a gara ad acquisirsi a vicenda con offerte del valore di 4,6 miliardi di dollari. Emi, terzo gruppo discografico mondiale, ha tuttavia detto che continua a reputare attraente per gli azionisti di entrambe le società la propria offerta di acquisizione di Warner Music a 31 dollari per azione. Warner, da parte sua, si è limitata a comunicare che sta esaminando la decisione del tribunale europeo per determinare che impatto possa avere su una potenziale combinazione con Emi.