Giù azionari e obbligazionari; positivi i flessibili, gli hedge e quelli di liquidità; stabili i bilanciati. Il patrimonio si porta comunque sopra i 614 miliardi Anche a maggio raccolta in rosso (-3,6 miliardi)

Il sistema dei fondi comuni conferma a maggio il trend negativo con una raccolta netta in rosso per 3,6 miliardi (meno 2,5 ad aprile). È quanto emerge dai dati definitivi di Assogestioni. Pesa l’andamento dei fondi azionari con deflussi per 2,2 miliardi contro gli 0,9 di aprile. Giù gli obbligazionari con meno 3,1 miliardi (da meno 2,6). Positivi i flessibili, gli hedge e quelli di liquidità.
Il patrimonio dei fondi si porta comunque sopra 614 miliardi (612,6). Stabili rispetto ad aprile, si legge nella nota di Assogestioni, i fondi bilanciati, con una raccolta pari a meno 580 milioni ed un patrimonio di 39,8 miliardi. A maggio tornano in territorio positivo i fondi di liquidità, che registrano una raccolta pari a 267 milioni di euro (patrimonio pari a 83 miliardi di euro). In questo quadro sono ancora i fondi flessibili e gli hedge ad essere preferiti dai sottoscrittori: i primi chiudono il mese con una raccolta positiva di 1,42 miliardi, i secondi con 585 milioni. Passando a esaminare i dati per tipologia giuridica, accanto al dato negativo dei fondi aperti, che registrano un deflusso totale pari a meno 4,6 miliardi, è possibile notare la netta ripresa dei fondi riservati, che registrano a maggio una raccolta positiva per oltre 401 milioni (erano meno 86 milioni in aprile). La raccolta dei fondi esteri nel mese di maggio è positiva per oltre 682 milioni, così come quella dei roundtrip (fondi esteri gestiti da società italiane), che ricevono in gestione 343 milioni. Il dato complessivo di raccolta è influenzato anche questo mese dall’andamento negativo dei fondi italiani, che subiscono un deflusso totale di circa meno 4,7 miliardi.