Giù Bipiemme si salva Mps

La Borsa di Milano chiude in deciso ribasso e in calo dell’1,99%. Dopo l’ottimismo iniziale per la nomina di Mario Monti prevalgono i timori sulla realizzazione delle riforme. Unicredit va giù del 6,1% dopo conti e piano. Intesa Sanpaolo perde il 4,13%, Bpm cede il 5,95%. Mps prosegue invece il trend positivo già avviato e avanza dell’1,57%. Nel paniere principale il titolo peggiore è però Campari, in calo del 7,57% sulla delusione del mercato per i risultati dei nove mesi. Fiat lascia il 2,34%, mentre Fiat Industrial perde il 5,13%. Nel comparto industriale va giù Prysmian e lascia il 3,27%, ed è pesante anche Pirelli, in calo del 2,51%. Positiva Ansaldo Sts che avanza dell’1,36%, Tod’s guadagna lo 0,93% e Tenaris 0,84%. Nel resto del listino, corrono dopo i dati trimestrali Bialetti (+6,54%) e Falck Renewables (+6,34%). Segna un tonfo del 29,53% Prelios dopo risultati e attese deludenti. Zucchi lascia il 19,05%. In ribasso anche le Borse europee: Londra segna -0,47%, Francoforte -1,19%, Parigi -1,28% e Amsterdam -1,36%.