Già pronti a partire 50 liceali milanesi

da Milano

Dal liceo classico «Berchet» di Milano una cinquantina di studenti sono pronti a partire per Napoli: vogliono dare una mano per togliere la spazzatura dalle strade. «Già dalla prossima settimana un primo contingente sarebbe entrato in azione – dice il preside Innocente Pessina –. Ma finora tutto è rimasto in sospeso perché nessuno dalla Protezione civile si è ancora fatto vivo». L’iniziativa era partita da un ragazzo di quinta ginnasio. «Era venuto da me – continua il preside – per invitarmi a divulgare la proposta a scuola. In pochi giorni una cinquantina di allievi aveva aderito. Piaceva l’idea perché ritenevano che, come i loro genitori si erano mobilitati per andare a Firenze in occasione dell’alluvione che aveva devastato la città nel 1966, così si poteva fare per Napoli che oggi si trova in un’emergenza analoga». L’iniziativa era stata apprezzata subito dal ministro Mariastella Gelmini che aveva commentato: «Questi ragazzi sono bravi: hanno degli ideali, e su di loro possiamo contare anche per combattere il bullismo». Finora però la disponibilità dei ragazzi del Berchet era rimasta solo una buona intenzione. «Sono minorenni – conclude il professor Pessina – e non possiamo mandarli allo sbaraglio. La scuola può fare la sua parte organizzando il viaggio, ma poi è necessario che a Napoli ci sia qualcuno che accolga e organizzi la spedizione. Noi siamo pronti: aspettiamo solo un segnale per essere seriamente coinvolti. E sono sicuro che se partono i nostri, altri studenti da altre scuole metteranno a disposizione parte delle loro vacanze per svolgere questa significativa opera di volontariato».