Già in soffitta i dischi volanti anti-terrorismo

Quando si dice tarpare le ali... Dai centocinquanta metri di altezza a cui volavano per monitorare il traffico, discariche abusive e cantieri «clandestini», ma soprattutto per vigilare sulla sicurezza, sono finiti in due valigette rinchiuse in un ufficio dell’Atm. Sono i due minieliccotteri telecomandati, dotati di telecamera, che il Comune aveva acquistato il giugno scorso per la cifra di 100mila euro complessivi. Le due telecamere volanti, che avrebbero trasmesso le immagini in diretta a un punto di sicurezza mobile e alla centrale operativa dei vigili, non sono mai state usate, mentre nessun vigile ha mai frequentato il corso per imparare a gestirle. «Un vero spreco di soldi pubblici», denuncia Roberto Miglio, del Csa dei vigili.