È già stata «corretta» la targa a Pinelli

Il circolo anarchico a cui apparteneva Giuseppe Pinelli, annuncia che accanto alla nuova targa sarà rimessa quella originale: «Giovedì, e con noi ci sarà tutta la Milano democratica e antifascista». Anche i Ds milanesi sono contrari alla decisione della giunta: «La lapide deve tornare com’era, con la scritta “ucciso” invece che “morto”, la città e la sua storia non meritano questo sfregio». E ieri è già cominciata la «guerra»: durante un presidio in piazza Fontana, i manifestanti anarchici hanno corretto con nastro adesivo la nuova targa e appeso manifesti contro il sindaco. Ma la scritta, a sua volta, è scomparsa quasi subito.
Il candidato sindaco dell’Unione Ferrante è «stupito» perché «in un episodio di tale delicatezza Albertini ha deciso da solo, senza coinvolgere il consiglio comunale». Il vicesindaco Riccardo De Corato, invece, si aspetta «che venga spaccata o tolta dai centri sociali». Per Formigoni, la nuova targa «ricostruisce la verità storica, è un un gesto dovuto sul quale non ci dovrebbero essere polemiche».