Giallo Esplosione a San Pietroburgo Bomba in un taxi: tre le vittime

Ha distrutto un’intera famiglia (un uomo, sua moglie e il loro bambino di tre anni) l’esplosione di un’automobile ieri a San Pietroburgo. Le autorità negano che sia stato un atto terroristico, ma l’incidente è avvenuto in circostanze poco chiare. La tragedia sarebbe stata causata da una granata a mano, scoppiata quando l’automobilista si è fermato per far salire i passeggeri. L’auto è esplosa vicino alla stazione della metropolitana Vyborgskaja. Il conducente è ricoverato in condizioni critiche. Il capo famiglia era un ex militare, che lavorava come avvocato nel settore immobiliare. Le vittime venivano accompagnate al lavoro ogni giorno dallo stesso conducente. Secondo le forze dell’ordine, la condizione del conducente è critica.