Giallo natalizio tutto da ridere

Promette di divertire e, già nel titolo, aderisce in pieno al clima natalizio di questi giorni: due buoni motivi, quindi, per andare al teatro dell’Orologio a vedere lo spettacolo intitolato Non sparate sul presepe di e con Massimiliano Pazzaglia. Si tratta di un giallo spruzzato di buonumore dove i due più emblematici oggetti scenici risultano essere un albero di Natale «nevrotico» e un presepe «sotto tiro». Sarebbe a dire, uno spazio festivo bislacco e curioso che incornicia - siamo ovviamente nella notte della vigilia di Natale in una casa sperduta nella ridente campagna toscana - l’incontro, altrettanto bislacco, tra un uomo taciturno e misantropo, una ragazza smaniosa di ricordi, un camionista scorbutico e un autostoppista meridionale partito alla ricerca della sua famiglia.
«Ma ognuno di loro - chiarisce l’autore, che firma anche l’allestimento dello spettacolo di scena fino a domenica - non è quello che dichiara di essere». La faccenda dunque si complica e a furia di colpi di scena corre verso il suo necessario, imprevedibile, lieto fine.
Il tutto condito poi di fantasiosa astrazione e di un deciso retrogusto surreale, con completa adesione dell’intero cast che, oltre allo stesso Pazzaglia (figlio del noto Riccardo, scomparso a ottobre del 2006), annovera Francesca Nunzi, Roberto D'Alessandro e Fabio Farronato.
«Non sparate sul presepe» rimarrà in scena fino al 23 dicembre alla Sala Orfeo del teatro di via dei Filippini.
Info: 06/68308330.