Giallo a Perugia, studentessa inglese sgozzata nel suo appartamento

Una giovane di 22 anni è stata trovata nuda, con una ferita da taglio alla gola, nascosta sotto un piumone. Due telefonini trovati da una vicina al centro delle indagini. Era in Italia da agosto. La camera era chiusa a chiave, l'assassino è fuggito dalla finestra che aveva il vetro rotto

Perugia - Meredith Kercher, studentessa inglese di 22 anni è stata trovata morta nel primo pomeriggio a Perugia, in un casolare trasformato in appartamento in via Sant’Antonio, vicino all'università per stranieri, nel centro del capoluogo umbro. Il corpo della giovane, completamente nuda e con una vistosa ferita di arma da taglio alla gola era in camera da letto coperto da un piumone. Gli agenti della polizia postale sono entrati nella camera e hanno trovato il cadavere. Le altre tre studentesse (due italiane e un'americana) che vivevano con lei sembra che la scorsa notte non abbiano dormito in casa. La stessa vittima sarebbe tornata nella casa - secondo le prime informazioni - dopo aver partecipato ad una festa. La ragazza si trovava in Italia da agosto con il progetto Erasmus.

La pista dei cellulari Due telefonini della giovane straniera sono stati trovati nel giardino di una casa poco distante ed è stato proprio il loro ritrovamento a portare gli investigatori nell’appartamento della studentessa. Questa mattina infatti alla questura di Perugia una persona, sembrerebbe un’anziana, ha denunciato di aver ricevuto ieri sera una telefonata di minacce. La stessa persona, poi, ha riferito di aver trovato nel giardino della sua abitazione i telefonini. Gli apparecchi sono stati presi in custodia dagli uomini della polizia postale che sono risaliti al proprietario, la ragazza straniera trovata morta. Si esclude l’ipotesi furto: all’interno dell’abitazione c’erano computer e oggetti d’oro, che non sono stati toccati. La studentessa, definita dagli amici tranquilla e interessata solo allo studio, frequentava un ragazzo pugliese. Accanto al corpo sono stati trovati anche pezzi di carta sporchi di sangue.

Indagini Gli accertamenti della polizia scientifica stanno riguardando in particolar modo una finestra della camera che dà sull’esterno. Sul posto è al lavoro la squadra mobile della questura di Perugia. È intervenuto anche il medico legale Luca Lalli. Gli investigatori stanno compiendo un accurato controllo anche all’esterno del casolare, che è circondato da un’area verde. Gli investigatori stanno interrogando diversi testimoni.

La Procura: indagine per omicidio La procura ha aperto un fascicolo per omicidio volontario, "l'ipotesi al momento più accreditabile" dice il procuratore Nicola Miriano.