Il giallo dal Sud al Nord nelle storie piene di suspense

Siano thriller, noir o classici, fanno parte tutti di quel grande calderone che è la letteratura gialla che sforna titoli - sovente di discreto o grande successo - molti dei quali anche di notevole interesse. Tra questi ne segnaliamo tre di genere differente ma legati tra loro dal «filo rosso» del riferimento geografico territoriale. Enzo Catania, giornalista e scrittore oltre che opinionista tv, nel suo Thriller di Sicilia. Ventuno storie misteriose dove la mafia non è protagonista (Boroli Editore, pp. 221, euro 15), ha scelto di raccontare clamorosi fatti di cronaca accaduti nell’isola o che hanno coinvolto siciliani. Ventuno storie ricche di suspence, intrigo, mistero e avventura che hanno come riferimento «quella Sicilia che ha dato tracce per romanzi e gialli a grandissimi narratori e che ha offerto, anche a un sicilianissimo come Enzo Catania, gli spunti per ripercorrere vicende clamorose che hanno invelenito o turbato l’opinione pubblica». Tra queste, ad esempio, la storia di Franca Viola, che al «rapitore» rifiutò le nozze riparatrici sconfessando radicate tradizioni. Catania fa un bel ritratto di questa donna che dopo aver vinto la «battaglia per la libertà femminile» si ritirò a vivere in silenzio la sua condizione di sposa. E nonostante le ristrettezze economiche, disse no a tutte le richieste di interviste che settimanali, rotocalchi e televisioni avrebbero pagato a peso d’oro. Dal Sud al Nord per I tre giorni all’inferno di Enrico Bonetti, cronista padano (Sironi editore, pp. 416, euro17) scritto da Valter Binaghi. La storia è quella di un inviato del quotidiano «Altomilanese» che, indagando sul rapimento e l’omicidio di una prostituta slava, si trova a scoprire il cuore nero della Brianza tra sette sataniche, circoli esoterici e cliniche specializzate in traffico d’organi. Infine, un’altra incursione al Sud - di nuovo in Sicilia - per I misteri della cattedrale (Nuova Ipsia editore, pp.155, 10 euro) di Angelo Vecchio, cronista di nera. Protagonista del romanzo è un ragazzo diventato prete, «non sappiamo se per vocazione o perché qualcuno aveva programmato tutto», e poi annientato da un turbine di passioni (l’amore per una ragazza) e di tristi vicende (i sospetti di pedofilia) che lo fanno precipitare «in una pozza di sangue».
I libri più letti a Milano dal 23 al 29 aprile 2007
1) Gesù di Nazareth (Benedetto XVI); 2) I love shopping per il baby (Kinsella); 3) Le pecore e il pastore (Camilleri); 4) Scusa ma ti chiamo amore (Moccia); 5) La ragazza di polvere (Connelly); 6) Perchè non possiamo essere cristiani (Odifreddi); 7) Il cacciatore di aquiloni (Hosseini); 8) Non dire notte (Oz); 9) La cattedrale del mare (Falcones); 10) Nido vuoto (Gimenez Bartlett).