Via Giannone La proprietà denuncia gli occupanti

La proprietà della palazzina di via Giannone 8, occupato nei giorni scorsi dagli anarchici e subito ribattezzata «Centro sociale Stamperia», ha sporto denuncia contro gli abusivi. Lo annuncia il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, spiegando di aver inoltrato la segnalazione al Prefetto e al Questore «Perché venga presto organizzato l’intervento di sgombero, un atto necessario per lanciare un messaggio di fermezza e legalità contro chi crede di poter “pellegrinare” da un alloggio all’altro sotto gli occhi delle Istituzioni e dei milanesi» L’edificio, in piena Chinatown, è stato occupato sabato dagli anarchici sgomberati tre giorni prima dalla «Bottiglieria Okkupata» di via Savona 18. A sua volta invaso il 15 giugno dagli stessi antagonisti allontanati quella stessa mattina da Ripa di Porta Ticinese 83, dove da anni era attivo il centro sociale «Lab Zero», forse l’ala più dura del movimento. Per questo non proprio ben visti dagli altri centri sociali, perennemente impegnati a combattersi per dimostrare chi è più di sinistra. Divisioni che puntualmente scompaiono di fronte a uno sgombero quando tutti fan fronte comune contro la polizia.