Il Giffoni Film festival torna a Carate Brianza

La rassegna dedicata ai ragazzi prevede proiezioni e dibattiti a gruppi. Poi laboratori su tecniche di scrittura e riprese

«Tra tutti i festival del cinema il Giffoni Film Festival è il più necessario» affermava François Truffaut. Claudio Gubitosi, fondatore e direttore del Giffoni, dopo aver sdoganato e raccolto i successi con il suo Festival a Hollywood, meta e traguardo di ogni grande business, ha deciso di beneficiare anche un piccolo centro come Carate Brianza, della rassegna per le scuole con Movie days on tour, una delle iniziative più importanti del Giffoni Film Festival, che viene considerato il più importante festival al mondo del cinema dedicato ai ragazzi. Quest’anno sarà a Carate Brianza per la seconda edizione. L’obiettivo è quello di avvicinare gli adolescenti al cinema e consentire loro un confronto aperto con la proposta di vedere opere di qualità, offrire occasioni di confronto e discussione sui contenuti dei film. Inoltre di proporre un'esperienza educativa e didattica condivisa e programmata con i docenti, attenti alla formazione globale dei ragazzi, utilizzando il linguaggio delle immagini. La proposta realizzata in piena sinergia con lo staff educativo del Giffoni Film Festival e della Cooperativa sociale EOS e i docenti, partendo dal valore educativo, artistico e culturale delle pellicole, sul bagaglio dell’esperienza dello scorso anno si è arricchita e diversificata rispetto alla precedente edizione. «Penso che nel giro di tre anni - afferma Claudio Gubitosi, direttore del Giffoni Film Festival Carate Brianza - diventi un evento significativo all’interno del Giffoni. Ci sono tutti i presupposti: perché è in Brianza, perché è vicino a Milano e perché nasce a Monza. E Monza è proprio dimensionata per il Giffoni. Stiamo seminando, dateci ancora un po’ di tempo e vedrete i risultati». La prossima edizione del Giffoni a Carate Brianza è prevista per ottobre-novembre e sarà molto articolata. Durante la mattinata si prevede la visione di film a cui far seguire il dibattito per gruppi di ragazzi: ciò anche allo scopo di integrare le diverse scuole che partecipano alla manifestazione. Il dibattito, guidato dagli animatori del Giffoni Film Festival e dai docenti, consentirà di seguire un percorso di analisi dei diversi aspetti del film: non una lezione, ma la libera espressione dei giudizi dei giovani spettatori, accompagnati all’approfondimento da parte degli adulti. Nella seconda parte della giornata il progetto prevede laboratori innovativi per i ragazzi con momenti di attività sul linguaggio, le tecniche di scrittura cinematografica e creativa, di costruzione di «story board», di ripresa video, e sugli effetti speciali. Questi sono in estrema sintesi gli ambiziosi obiettivi ed il programma che l’Amministrazione di Carate in stretta sinergia con il Giffoni ha studiato per offrire un servizio ed un evento di straordinaria validità socio-educativa. L’immagine e l’analisi dell’immagine diventano così uno strumento per imparare a condividere le proprie esperienze e le proprie sensazioni, un mezzo per accrescere il proprio bagaglio culturale. «Rinnovo il ringraziamento a Claudio Gubitosi, fondatore e direttore del Giffoni Film Festival» afferma il Sindaco di Carate Brianza Marco Pipino, per la straordinaria opportunità offerta a Carate ed alla Brianza.
L’esperienza di Carate Brianza sarà proposta nell’ambito della 37ª edizione del Giffoni Film Festival in programma dal 12 al 21 luglio a Giffoni. Il 12 luglio a Giffoni sarà anche presentato in anteprima nazionale «Harry Potter e l’Ordine della Fenice»: un’altra importante esclusiva del Giffoni Film Festival.