«Gigggetto» stacca anche il suo badante

Finora autentica delusione del Giro, nel primo tappone si muove finalmente un grande favorito della vigilia: Gigggetto Sgarbozza. Nonostante il "Processo" di quest'anno lo porti in Giro con la museruola, all'Alpe di Pampeago riesce a sciorinare una strepitosa serie di bischerate. Urlo alla maglia rosa Bosisio: «Oggi sei stato il più forte della tua squadra. Sei il nuovo capitano». Risposta di Bosisio: «Per la verità, Di Luca e Savoldelli sono arrivati prima di me». A questo punto, Gigggetto sfugge al controllo del badante Fusco e si lavora il vincitore di tappa Sella: «Senza cadute, saresti ai vertici della classifica». Risposta di Sella: «Sono riuscito a vincere la tappa proprio perché non conto più niente in classifica». Impresa d'altri tempi: Gigggetto riesce ad essere meno lucido di due corridori reduci da duecento chilometri di pioggia e salita. Tappa e maglia. Attesissimo sulla Marmolada.