Gilera Gp 800, ecco lo scooter «esagerato»

da Milano

Gilera Gp 800 è quello che, a giusta ragione, la comunicazione Piaggio ha definito un Hyperscooter, facendo il verso all’Hypermotard 1100 della Ducati. Gilera Gp 800, insomma, è un maxi-scooter Gt spinto da un bicilindrico a V di 90 gradi con cilindrata di 850 cc e una potenza di 75 cv. Quello di dare vita a uno scooter «esagerato» è stato un sogno a lungo coltivato dalla direzione progetti del Gruppo Piaggio e i primi prototipi si sono visti all’inizio degli anno ’90, forse ancora prima, dotati di bicilindrici da 650-750 cc. Poi, la crisi della Piaggio fermò tutto. Alla ripartenza è stato definito il progetto di un bicilindrico di 850 cc che condivide con il potente monocilindrico Master 500 la razionale testa con distribuzione monoalbero e induzione a 4 valvole per cilindro. «Limitato» a una potenza di 75 cv e associato a un cambio Cvt, è il propulsore del rinnovato maxiscooter e, quindi, della prima moto con un vero cambio automatico, l’Aprilia Mana.
Gilera Gp 800 rappresenta la massima evoluzione prestazionale dello scooter, per quanto lo scooter può evolversi in tal senso, visti gli insormontabili limiti di bilanciamento e di assetto che sono insiti nel concetto stesso. I tecnici Piaggio hanno sviluppato un telaio dall’elevata rigidità torsionale e, soprattutto, con una sospensione posteriore vera, il cui braccio oscillante, al contrario di quella che è la tradizionale tecnica scooteristica, è svincolato dalla massa del motore e della trasmissione. Inoltre sono stati adottati pneumatici radiali in misure quasi motociclistiche: 120/70-16, anteriore, 160/60-15, posteriore. Gilera Gp 800 è potente come nessun altro, ha doti di accelerazione micidiali e sfiora i 200 orari. Costa 9.200 euro.