Il gioco libero moltiplica per tre la raccolta del poker on line

Sono 556 i milioni di euro raccolti a luglio 2011 e 201 nel mese precedente di giugno. Quasi una progressione aritmetica che moltiplica per 3 i dati della raccolta degli skill game/giochi a distanza a distanza di appena 30 giorni. Tuttavia non ci è dato sapere dai dati ufficiali Aams come vengono suddivisi tra poker cash e casinò online, prodotto partito anche esso lo scorso 18 luglio inaugurando un nuovo mercato del gioco a distanza «punto it». Ma è evidente come il gioco sia influenzato dal lancio della nuova modalità che nei primi giorni di apertura ha dominato le poker room che sono riuscite a partire con la raccolta. Oltre 350 milioni in più rappresentano un boom se rapportato ai giorni in cui questo slancio c'è stato. Appena 13 giorni considerando che la prima settimana si sono giocate molte meno ore. Ma i tavoli erano strapieni e quindi il risultato economico può starci. Le previsioni degli esperti dicevano che il mercato del cash avrebbe moltiplicato per 3 la raccolta. Tutto vero e, anzi, i dati di agosto potrebbero addirittura sconvolgere le previsioni se è vero che il poker cash si sarebbe attestato su oltre 900 milioni di euro di raccolta.