GIORGIA Gli acuti di una «stonata»

In scaletta i nuovi successi e i grandi hit in formato medley

«Mi sento stonata oltre che in qualche nota qua e là, anche nei confronti di questo tempo». Approda a Roma lo «Stonata Tour 2008» di una cantante tutt’altro che stonata come Giorgia, questa sera alle 21 al Palalottomatica, data capitolina di un tour di cui sono state posticipate le prime quattro date previste in concomitanza con l’impegno in qualità di superospite a Sanremo. Grande partecipazione quella di Giorgia a un festival che, seppur uscito sconfitto dalla battaglia degli ascolti, ha fatto scorgere a tratti squarci di ottima musica.
Fra questi quella di Giorgia appunto, oggi alle prese con il suo «Stonata Tour» di cui così spiega il titolo, omonimo del suo decimo e ultimo disco pubblicato a novembre: «Provo un consapevole senso di stonatura, un disorientamento d’animo che mi accorgo di condividere con sempre più persone. Questo è un tempo che oscilla tra strani valori, e che ai quattro elementi naturali acqua, aria, terra e fuoco contrappone soldi, potere, una politica di interessi personali e guerra. Mi chiedo: Dove sono? Che cosa sto facendo? Mi sarò sbagliata?».
Domande esistenziali alte, dunque, che in tanti si pongono oggi, e che la Giorgia «stonata» ripete nelle sue canzoni, ribadendole a suon di musica forte dei portentosi acuti della sua voce.
Almeno trenta le persone al seguito dell’artista per uno show che si propone molto scenografico ma con il suo naturale fulcro in una musicalità capace di regalare forti emozioni a chi apprezza la cantautrice romana.
Un live che è un viaggio attraverso diversi stili musicali che passa da canzoni come Di sole e d’azzurro, E poi, Come saprei a nuovi brani come Parlo con te.
Una mescolanza di sonorità capaci di spaziare dallo stile black aggressivo di Ora basta alla ritmica funky di Anime sole, passando per il suono vintage di Chiara luce e Come sei. Tutto da ascoltare il previsto arrangiamento r’n’b in salsa araba di Mal di terra, e poi gli ultimi singoli radiofonici La La Song, e la ritmica di Libertango.
Giorgia sarà accompagnata sul palco da Sonny Thompson a basso e direzione musicale, Marcello Surace alla batteria, James Raymond alle tastiere, Tim Cornwell alle percussioni, Maurizio Fiordiliso e Mike Scott alle chitarre e la brava Roberta Granà ai cori.