Giorgino, primo Pdl «Ma mio fratello non mi ha aiutato»

Il fratello famoso non l’ha aiutato. «Forse il suo volto ha contribuito a far crescere la simpatia verso di me, ma fa un lavoro diverso». Lui è Nicola Giorgino, avvocato, 42 anni, fratello dell’anchorman del Tg1 Francesco, ma soprattutto sindaco di Andria. Il primo in classifica a casacca Pdl nella graduatoria di Ipr Marketing per IlSole24Ore.
Settimo posto e 60% del gradimento, aumento di consensi sulle elezioni 2010. Una bella soddisfazione?
«Ripaga del lavoro svolto fin qui, da me e dalla squadra che mi sostiene. E in un momento di forti sentimenti anti-politica essere un sindaco non è facile, si diventa il primo bersaglio».
Qual è il segreto di un primo cittadino apprezzato?
«Uno solo, il lavoro. Lavoriamo 16 ore al giorno. E poi ascoltare sempre i cittadini, perdendo il contatto con loro si perde il contatto con la realtà».
Oggi tutto è social network, voi che strategia di comunicazione usate?
«Trasmettiamo in diretta su internet le sedute della giunta. Così le pareti del palazzo di città diventano trasparenti: si favorisce la partecipazione e il processo decisionale è aperto a tutti».
Motivi di vanto in questi due anni?
«La raccolta differenziata porta a porta al 70% in una città di 100mila abitanti, così la qualità dell’ambiente resta al primo posto. E la risoluzione del problema della barriera ferroviaria, che si trascinava da decenni. Nel 2012 iniziano i lavori».
Nel suo futuro vede un altro mandato da sindaco o tenterà il grande salto?
«L’ambizione è umana, ma le cose bisogna meritarsele. Prima di tutto bisogna fare bene il proprio lavoro. Poi si può puntare anche ad altro».