Giornalismo e solidarietà al Rotary

«L'amicizia è la roccia su cui ho fondato il Rotary, la tolleranza è il cemento che lo ha tenuto insieme», queste le parole dell'avvocato Paul P.Harris, fondatore del Rotary International Club, che riassumono i due valori fondamentali dell'associazione che oggi conta circa 30.000 club distribuiti in tutto il mondo, di cui 10 solo a Genova e altrettanti nel resto della Liguria.
La missione del Rotary è quella di promuovere la pace e la comprensione tra tutti i popoli della Terra mediante concreti programmi umanitari, educativi e culturali da realizzare a livello locale, nazionale o internazionale. Senza citare i programmi internazionali, ma per dare alcuni esempi di progetti, di sicuro non meno ambiziosi, che hanno visto in prima linea il lavoro dei Club liguri per la nostra realtà locale ricordiamo il sostegno, attraverso la donazione di generi alimentari per un valore complessivo di oltre 10.000 euro, alla Mensa del Povero, l'iniziativa «Una coperta a ciascuno» a favore dell'Associazione Massoero 2000 che si occupa di persone bisognose senza tetto sul territorio genovese e «l'Operazione Sorriso», che da alcuni anni vede impegnati diversi soci nella divulgazione, nelle scuole elementari di Genova e Provincia, della prevenzione dentale. L’ultimo degli incontri l’altra sera quando Massimiliano Lussana, è stato invitato dal Rotary Club Golfo di Genova, presieduto da Giorgio Fuselli, per parlare de «Il dietro le quinte del giornalismo». Una conviviale occasione per capire meglio, attraverso l'esperienza di una persona che ha coperto un po' tutti i ruoli all'interno della professione giornalistica, che cosa significhi fare questo mestiere, ma anche per scoprire, con aneddoti e storie di vita vissuta quali siano tutti gli ostacoli e le difficoltà di tale lavoro. Sarà che Massimiliano, quando attacca a parlare, è davvero un inarrestabile fiume in piena, sarà per l'entusiasmo e l'amore che trapelava dalle sue parole, il tempo è volato.