Giornata della povertà e Caritas

Alessandra Ferri

«Sogniamo il giorno in cui non ci sarà più bisogno di una giornata di lotta alla povertà, non perché ci illudiamo di poterla sconfiggere, ma perché ci auguriamo che la povertà non sia trattata solo in momenti episodici, ma sia oggetto di un’attenzione costante». Con queste parole ha iniziato il suo intervento don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana, durante la conferenza «Poveri equilibristi», tenutasi ieri presso la sede Caritas ambrosiana, per la presentazione delle iniziative in occasione della Giornata mondiale Onu di lotta alla povertà, prevista per il 17 ottobre.
All’incontro, che ha sottolineato anche l’importanza del concetto di solidarietà intesa come piccoli ma fondamentali gesti quotidiani, hanno partecipato anche il responsabile dell’area grave emarginazione di Caritas Ambrosiana, Raffaele Gnocchi, il direttore della rivista «Scarp dè tenis», Paolo Brivio e il Presidente del Lavoro Ferroviario di Milano, Pino Tuscano.
Quest’ultimo ha posto l’attenzione su due iniziative, che coinvolgeranno il mondo ferroviario: il concerto dell’orchestra rom «Banda del Villaggio solidale» alla Stazione Centrale di Milano (17 ottobre, ore 21) e la distribuzione gratuita di «Scarp dè tenis» sui treni delle reti regionali (17-18 ottobre).
Le stesse tematiche sono state affrontate anche nell’incontro «Il coraggio di dare», organizzato dalla fondazione «Opera San Francesco per i poveri di Milano», a cui hanno preso parte lo stesso don Roberto, il professor Marco Revelli e Riccardo Bonacina, direttore editoriale di «Vita nonprofit magazine».