Una giornata a Totti, Catania si arrabbia

da Roma

Francesco Totti è stato squalificato per una giornata dopo l’espulsione rimediata domenica nella gara che la Roma ha pareggiato 1-1 a Livorno. Il capitano giallorosso salterà Roma-Siena ma sarà disponibile per la sfida contro l’Inter, in programma a Milano il 4 febbraio. Totti, multato di 10.000 euro, è stato punito «per avere, al 46’ del secondo tempo, in reazione ad un fallo subito, spinto con veemenza un avversario, portando le mani all’altezza del capo dell’antagonista. La sanzione pecuniaria è correlata alla qualifica di capitano della squadra».
Per Totti un turno di squalifica come a Colucci, Accardi, Filippini, Montolivo, Moro e Pinzi, due invece a D’Anna, e la possibilità di giocare la supersfida con l’Inter al Meazza: ha un costo accettabile per Francesco l’espulsione rimediata a Livorno, proprio come si era auspicata Rosella Sensi. Una decisione che ha suscitato le proteste immediate del Catania: «Assurdo. Totti 1 turno e Spinesi 3».
Appena note le decisioni del giudice sportivo, volti scuri e tifosi infuriati a Massannunziata, l’impianto che ospita gli allenamenti del Catania, squadra sulla quale si sono abbattuti i fulmini delle sanzioni. La notizia della squalifica di tre giornate inflitta al bomber Gionatha Spinesi ha turbato la vigilia dei rossoazzurri che questa sera giocano in casa contro l’Empoli il recupero della 16ª di campionato, partita sospesa per diluvio.
Il centravanti della formazione di Pasquale Marino ha lasciato il quartier generale etneo tra gli ultimi, in compagnia di Giorgio Corona e senza parlare con nessuno. Si fa sentire, invece, il direttore generale Pietro Lo Monaco: «Adesso basta - tuona -, la misura è ormai colma. Vorrei proprio capire qual è il metro di giudizio adottato e che ha spinto il giudice a squalificare Spinesi per tre giornate. Un turno a Totti e tre a Spinesi, che per noi è importante come Totti: incredibile e assurdo».
«Spinesi - conclude Lo Monaco - ha rivolto una frase ingiuriosa a un giocatore del Cagliari e l’arbitro Rosetti ha pensato fosse rivolta a lui. È la parola di Spinesi contro quella di Rosetti. Presenteremo ricorso, cercheremo di fare valere le nostre ragioni».