Il giorno degli Ambrogini: per la grande medaglia l’Inter è prima in classifica

Per una volta, gli Ambrogini saranno decisi alla luce del sole. Sempre a porte chiuse, ma senza sedute fiume che si chiudono nel cuore della notte come gli anni passati. Il presidente del consiglio comunale nonché della Commissione per la concessione delle civiche benemerenze, Manfredi Palmeri, ha dato appuntamento a capigruppo e membri dell’Ufficio di presidenza (i consiglieri Andrea Fanzago, Stefano Di Martino, Davide Corritore e Claudio Santarelli) oggi alle 12, e dato che ieri una prima «scrematura» dei nomi, almeno da parte della Cdl, è già stata fatta, dovrebbero bastare tre-quattro ore per mettersi d’accordo sui premiati. In linea di massima, le medaglie d’oro andranno alle persone fisiche e attestati a comitati, enti o associazioni. In pole position per la Grande medaglia d’Oro l’Inter, che compie cent’anni nel 2008. Quasi certo che il 7 dicembre riceveranno dalle mani del sindaco la medaglia d’oro lo stilista Valentino, monsignor Gianfranco Ravasi, l’attrice Valentina Cortese, la cantante Caterina Caselli, il presidente emerito della Corte costituzionale Valerio Onida, Striscia la notizia. Quasi sicuramente «rimandati» capitan Paolo Maldini e Radio Deejay che compie 20 anni. «Cassata» la provocazione della Lega, che ha proposto un ambrogino al presidente di Alitalia Maurizio Prato, purché glielo consegnino «i lavoratori Sea più arrabbiati». Difficile che passino l’esame anche le altre due candidature targate Carroccio, quella alle Scuole civiche che reclamano fondi e quella al comitato ViviSarpi che difende i diritti dei residenti a Chinatown. Sia perché il capogruppo Matteo Salvini ha «violato» il vincolo alla riservatezza imposto da Palmeri in aula e con una lettera inviata a sindaco, consiglieri e capigruppo, sia perché Forza Italia e An vorrebbero evitare strumentalizzazioni politiche.
La parola d’ordine è «unanimità», pretesa per la Grande medaglia d’oro e ricercata il più possibile per le altre medaglie e attestati. Per questo, difficile che passi la proposta di Pierfrancesco Majorino di assegnare l’ambrogino a tre graffitari, tra cui Bros. Il limite massimo è di 30 medaglie e 40 attestati: l’anno scorso ne vennero assegnati solo una cinquantina in tutto, e anche per il 2007 si cercherà di non «esagerare».