Un giorno di festa per l’arte contemporanea

Apertura gratis in 800 istituzioni. Italian Factory premia la nuova pittura

Parte la quarta «Giornata del Contemporaneo», organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Amaci (Associazione musei d’arte moderna e contemporanea italiani). Come ogni anno in questa giornata oltre 800 luoghi saranno aperti gratuitamente. Tra le proposte rivolte al pubblico milanese, l’arte contemporanea lancia letteralmente «La sfida»: è questo il titolo della serata di performance curate da Luca Cerizza e Giacinto Di Pietrantonio, che prenderà vita dalle 18, alla Rotonda di via Besana. Invasioni giocose, azioni a volte invisibili, a volte dinamiche occuperanno gli spazi secondo la creazione di artisti come Simone Berti, Alex Cecchetti, Marcello Maloberti e Italo Zuffi. Anche la Triennale Bovisa aderisce all’iniziativa aprendo gratuitamente al pubblico la mostra «Guido Crepax. Valentina, La forma del tempo».
Sempre in tema d’arte contemporanea, segnaliamo la terza edizione del Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana 2008, che giovedì ha inaugurato la mostra con le opere dei 20 finalisti, scelti fra oltre 400 giovani artisti italiani. La collettiva, esposta alla Fabbrica del Vapore, resterà aperta al pubblico, ad ingresso gratuito, fino al 19 Ottobre. La giuria, presieduta da Vittorio Sgarbi, ha scelto all’unanimità l’artista Desiderio, classe 1978, di origine umbra, premiato sia per la potenza dell’iconografia visiva, sia per la complessità del lavoro scelto, che comprende anche un video con un cortometraggio e un’installazione. La sua opera «Confabula Spurio 1896», come egli stesso spiega, «riflette una simbologia legata ai bambini e al destino. La data 1896 è legata ad una nascita, non a quella di un neonato, ma alla scoperta della radioattività». Il secondo posto è andato ad Alessandro Brighetti, che simulando la tecnica della Polaroid, ha creato un gioco ingannevole tra pittura e fotografia.