Giovanardi «Col premier senza se e senza ma»

«Difenderemo il presidente del Consiglio senza se e senza ma». Con queste parole il leader dei Popolari liberali Carlo Giovanardi ha concluso la kermesse del suo movimento interno al Pdl, iniziata venerdì a Verona. Per il sottosegretario alla presidenza del Consiglio centrista «grazie alla presenza di un soggetto di ispirazione democratica cristiana e sturziana come noi non c’è bisogno di andare a cercare alleanze in partiti e partitini che stanno a mezzadria tra i due poli». Giovanardi ha dichiarato la sua volontà di offrire «la totale e incondizionata solidarietà al premier, in quanto simbolo della sovranità del popolo italiano in questi ultimi 15 anni aggredita da invasioni di campo della magistratura che ha messo in discussione - ha detto - prima i grandi partiti della prima Repubblica e poi tutti coloro che nel tempo hanno rappresentato il centrodestra». E sull’ipotesi di un ritorno anticipato alle urne Giovanardi ha aggiunto: «Non ce n’è bisogno, è invece necessario rintuzzare le offensive giudiziarie e strumentali».