Giovane agli arresti domiciliari si uccide gettandosi dalla finestra

Un «salto» nel vuoto dalla finestra della propria camera al quarto piano di una palazzina di Cusano Milanino: è morto così un giovane 29enne, da un anno agli arresti domiciliari per droga. Ancora sconosciute le cause dell’estremo gesto: molto probabilmente, a convincere il ragazzo a farla finita, è stata la disperazione dettata dalla detenzione forzata nel proprio appartamento. E nell’abitazione del giovane non è stato trovato alcun messaggio per spiegare le ragioni del suicidio. Il fatto è accaduto ieri mattina, intorno alle sette, in via Stelvio, a Cusano Milanino. Ad accorgersi dell’accaduto sono stati i genitori, che si trovavano in camera da letto e che sono stati svegliati all’improvviso da un forte tonfo: corsi nella stanza del figlio, la tragica scoperta: hanno trovato la finestra spalancata e il corpo del ragazzo a terra esanime nel cortile. Immediatamente è partita la richiesta di soccorso, ma i tentativi di salvare il ragazzo sono stati tutti vani: all’arrivo dell’autoambulanza il giovane era già morto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Cusano Milanino.