Giovane denuncia salesiani «Violentato per sei anni»

da Udine

Un religioso della Comunità salesiana di Udine risulta indagato con l’ipotesi di violenza sessuale su un minore.
A far scattare l’inchiesta da parte della procura della Repubblica di Udine è stata la denuncia presentata da un ragazzo, ora maggiorenne, che avrebbe rivelato di aver subito per anni attenzioni particolari da parte del sacerdote e questo da quando aveva 12 anni ed era ospite della struttura di accoglienza. Le attenzioni nei confronti del giovane sarebbero durate sino al raggiungimento della maggiore età e quindi alla decisione di lasciare la casa-famiglia.
Dalla Procura di Udine fanno sapere che si tratta di un’indagine molto complessa e delicata. È stato lo stesso sostituto procuratore Giancarlo Bonocore ad avvisare la Curia udinese che nella mattinata c’era stata una perquisizione da parte dei carabinieri nella struttura dove era stato ospitato l’autore della denuncia. Sembra che gli sviluppi dell’indagine avrebbero permesso agli uomini dell’Arma di aprire uno squarcio sul fenomeno della prostituzione maschile a Udine.
La Comunità dei salesiani, però, replica secca, e assicura di non aver nulla da nascondere specificando che «dalla perquisizione minuziosa effettuata dai carabinieri non è stato trovato nulla di quanto si pensava secondo la denuncia sporta dal giovane». I religiosi hanno poi aggiunto di «non comprendere il motivo della denuncia del ragazzo che è stato peraltro molto aiutato dalla loro struttura in passato».