Giovane picchiata fuori da un pub Polizia inglese sotto accusa

Immagini riprese da una telecamera a circuito chiuso e rilanciate dalla Bbc: <strong><a href="http://www.bbc.co.uk/mediaselector/check/player/nol/newsid_6430000/newsi... target="_blank"><font color="#ff6600">guarda il video</font></a></strong>. L'agente Anthony Mulhall picchia Toni Comer, 20enne di colore, che tenta di resistere all'arresto. Accuse di razzismo dai media, la polizia apre un'inchiesta

Sheffield - L'arresto di una ragazza ubriaca e aggressiva fuori da un locale notturno: niente di particolarmente originale in Gran Bretagna. Se non che uno degli agenti inizia a prendere violentemente a pugni la giovane di colore, Toni Comer, di 20 anni, mentre una telecamera a circuito chiuso riprende la drammatica scena. E oggi la vicenda diventa un caso nazionale. Il quotidiano The Guardian è venuto in possesso del filmato, oggi su tutte le emittenti britanniche. Il fatto è accaduto lo scorso 30 luglio.

La polizia del South Yorkshire ha avviato un'inchiesta, e il poliziotto, che ha ammesso di aver dato cinque pugni alla giovane, è stato tolto dal servizio attivo mentre vanno avanti le indagini. Toni era stata arrestata a Sheffield per aver danneggiato l'auto di un buttafuori. L'agente, Anthony Mulhall, ha detto di aver colpito la ragazza per difendersi: "Ha iniziato a scalciare, sputare e tentava di mordermi, ha tentato di colpirmi ai genitali, tentava di prendermi a calci e a ginocchiate. A quel punto l'ho colpita più forte che potevo con il mio pugno destro, per tentare di bloccarla. Non ci sono riuscito, così l'ho colpita ancora". Il poliziotto ha precisato di averla colpita al braccio per ammanettarla.

Comer ha negato di aver tentato di colpire l'agente, dicendo che in quel momento è stata presa da una crisi epilettica, e i suoi avvocati chiedono un'indagine della commissione indipendente per i reclami controlla polizia (Ipcc). Il capo della polizia del South Yorkshire Meredydd Hughes, nel confermare che è in corso un'indagine approfondita, afferma però che il filmato viene visto fuori dal contesto: "È stato lo stesso agente a attirare l'attenzione sulla vicenda, parlando della forza che aveva usato. Nonostante ciò, la ragazza non ha riportato lesioni, nè ha avuto bisogno di cure mediche". La polizia, attraverso un portavoce, respinge inoltre seccamente le accuse di razzismo evocato dalla BBC che ieri sera ha mandato in onda il filmato.

La ragazza, dopo aver ammesso di aver danneggiato l'auto del buttafuori che l'aveva allontanata per disturbi dal locale notturno, ha detto di aver reagito all'arrivo dei poliziotti perché in preda ad un attacco di epilessia: "Quando si vede che mi agito e reagisco è perchè avavo avuto una crisi epilettica". Intervistata dalle tv britanniche, Toni ha aggiunto di non ricordare praticamente nulla di quella serata, precisando di aver fatto causa alla polizia del South Yorkshire. La giovane, dopo essere stata portata in caserma, era stata rimessa in libertà con la condizionale, condannata a pagare 250 sterline al proprietario della macchina a titolo di rimborso dei danni.